2 Broke Girls

Copertina di una delle sei stagioni di 2 Broke Girls.

2 Broke Girls è una serie televisiva statunitense, creata da Michael Patrick King e Whitney Cummings. Composta attualmente da sei stagioni, è ambientata a Brooklyn, New York. Nei bassifondi di questo quartiere c’è il Williamsburg Dinner, una tavola calda gestita da un coreano di nome Han. A portare avanti questa baracca è Max, una cameriera risoluta e sarcastica, molto cinica verso un mondo che l’ha presa più volte a calci nel sedere.

La sua routine è destinata a cambiare con l’arrivo di una nuova cameriera: Caroline. Quest’ultima è una rampolla dell’alta società, che da un giorno all’altro ha perso tutto e adesso è costretta a lavorare.
Nonostante a Max non interessi più di tanto la situazione di questa ragazza, decide comunque di aiutarla. Le permette di alloggiare nel suo appartamento, a patto che divida con lei l’affitto.

Dopo aver assaggiato un cupcake fatto in casa da Max, Caroline comprende subito le potenzialità di questo prodotto culinario. E Le propone di mettere da parte alcuni soldi, così da poter poi aprire un’attività tutta loro.
Saranno aiutate in questa impresa anche da Sophie, una vicina di casa che offrirà loro qualche lavoretto.

Dopo aver parlato della trama, entriamo nel vivo di questa recensione. 2 Broke Girls è una sitcom di tutto rispetto. Ciascun personaggio rappresenta il tassello di un grande puzzle e, senza di esso, l’intera storia non avrebbe senso. E ciò inciderebbe anche sulla comicità stessa di questa serie televisiva, genuina, intuitiva e mai troppo volgare. La maggior parte delle battute sono legate al sesso, alla condizione sociale oppure a qualche caratteristica stessa di qualunque personaggio.

I personaggi principali di 2 Broke Girls.

A proposito dei personaggi, sono tutti a dir poco fantastici:

  • Max e Caroline sono un duo formidabile e si spalleggiano a vicenda;
  • Han cerca di integrarsi ed adattarsi allo stile di vita statunitense e diventa spesso bersaglio di battute e frecciatine sulla sua altezza;
  • Earl è l’anziano che si sente ancora giovane dentro. Ha tanta esperienza e a volte è anche saggio;
  • Oleg è la perversione fatta persona, sempre pronto a proporre il suo arnese come soluzione ad ogni cosa;
  • Sophie è … beh lei è Sophie.

Una scena di 2 Broke Girls.

Oltre ad essere una sitcom, 2 Broke Girls affronta un tema fondamentale: il desiderio di riscattarsi. Se ci pensiamo bene, le due ragazze rappresentano due mondi diversi. Max è venuta al mondo in una situazione difficile e già complicata. Crescendo, non è migliorata per niente e anzi si è spesso cacciata nei guai.
Caroline, invece, è nata in un mondo dove ha avuto una vita facile e poteva possedere ogni cosa con uno schiocco di dita. Non ha mai avuto bisogno di lavorare, tanto ci pensava sempre suo padre. O almeno così è stato prima che cadesse in rovina.
Ed è da questa diversità sociale che nasce una vera e propria alleanza fra loro due. Dopo aver subito uno o più calci nel sedere da questo schifo di vita, non desiderano altro che riscattarsi e cambiare la loro condizione all’interno della società.

A parte questo tema fondamentale questa serie televisiva a volte presenta anche messaggi importanti, spesso legati ai sentimenti, al valore dell’amicizia e alla fiducia in sé stessi, soprattutto nei momenti più bui.
Penso di aver detto tutto, quindi la nostra recensione termina qui. A presto miei cari Sognatori e mie care Sognatrici e ricordate: “chi sogna, viaggia“.

Leggi anche: My Name Is Earl

Lascia un commento

*