Flex Mentallo

Copertina di Flex Mentallo nella sua recente edizione

Flex Mentallo è un personaggio dei fumetti creato dallo scrittore Grant Morrison e dal disegnatore Richard Case nel 1990 durante la loro gestione della serie di fumetti DC Doom Patrol. Nel 1996 è apparso in una miniserie di quattro numeri scritta dallo stesso scrittore e disegnata da Frank Quitely.

Il personaggio è apparso nel suo primo adattamento live-action nella prima stagione della serie tv Doom Patrol, trasmessa sulla piattaforma streaming della DC. Prima di parlare della sopracitata miniserie di quattro numeri sicuramente vi starete chiedendo: “ma quali sono le sue origini? Ha dei poteri?”. Queste domande troveranno ora una risposta.

Flex era un ragazzo gracile e magrolino, vittima preferita dei suoi coetanei più allenati. Stanco di tutto questo, cerca in ogni modo di allenare il suo corpo. La svolta arriva quando viene avvicinato da uno strano uomo con un televisore al posto della testa e che fuma tre sigari contemporaneamente. Lo strano personaggio gli dona un buono per ritirare “Il Volume del Mistero Muscolare” sicuro che gli darà ciò che cerca.

Flex Mentallo nella sua versione Live-action

Flex non si lascia sfuggire l’occasione e, dopo aver ritirato e seguito le istruzioni del volume, incredibilmente diventa il forzuto muscoloso che ha sempre sognato essere. I miracolosi effetti del volume non si fermano qui. Flex scopre che, flettendo i muscoli, può alterare a suo piacimento la realtà. Decide di mettere al servizio della giustizia questi miracolosi poteri e cosi diventa Flex Mentallo, “L’ Uomo del Mistero Muscolare”.

Come detto in precedenza, è arrivato il momento della miniserie a lui dedicata. Ogni numero corrisponde ad una delle ere del fumetto: la Golden Age, la Silver Age, la Dark Age ed il Futuro.

  • Golden Age: qui abbiamo un tono ilare e scanzonato. Flex combatte il suo acerrimo nemico “Il Fatto”, che gli lancia contro le tipiche bombe da cartone animato;
  • Silver Age: la storia inizia a virare sulla fantascienza e da qui partono anche degli “intervalli” che ci mostrano uno scrittore in crisi, che ha ceduto ad ogni tipo di eccesso per cercare idee per scrivere proprio la storia che stiamo leggendo;
  • Dark Age: i temi diventano più oscuri. Le bombe da cartone animato vengono sostituite da una minaccia nucleare. “Lo scrittore” inizia ad avere visioni. Vede eroi mai creati, personaggi mai esistiti prima interagire tra loro, interagire con lui;
  • Futuro: “lo scrittore” ha una rivelazione. Il realismo eccessivo può essere messo in secondo piano. Il supereroe può essere un misto di tutte le cose viste fin ora ovvero divertente, dark, fantascientifico ma anche moderno ed attuale. Con questa rivelazione vediamo Flex vincere le sue battaglie, una nuova luce arrivare in un mondo prima cupo e dark e i personaggi incappucciati, mascherati e che indossano mantelli tornano a coesistere in questo nuovo mondo.

La rottura della quarta è evidente in questa miniserie. L’identità dello “scrittore” è più che chiara, come più che chiaro è il messaggio di quest’opera. I personaggi dei fumetti sono “reali” hanno delle loro storie, i loro problemi e vivono amori e perdite. Storie dopo storie, era dopo era, crescono e certe volte possono dare lezioni anche agli stessi lettori. In conclusione, vi invito a recuperare questa serie pubblicata in Italia da RW Edizioni. Detto questo vi saluto e vi do appuntamento ad una prossima recensione e ricordate: “leggete con il cuore e pensate con la mente”.

TEPPEN

Schermata iniziale di TEPPEN

TEPPEN è un videogioco di carte collezionabili del 2019, sviluppato da GungHo Online Entertainment per i sistemi iOS e Android. Sulle carte usate nel gioco sono rappresentati personaggi delle più famose serie di videogiochi Capcom, ossia: Street Fighter, Mega Man, Resident Evil, Devil May Cry, Monster Hunter e Darkstalkers. Andrò ora a parlavi più in dettaglio di alcune delle modalità di gioco per poi passare alla mia opinione personale.

La trama è molto semplice. La terra delle illusioni è un luogo misterioso, si dice che a chiunque ci arrivi verrà svelata la verità sul mondo. Molti viaggiatori sono stati attirati da queste voci:

  • Ryu, solitario lottatore in cerca del suo destino;
  • Chun-Li, una giovane combattente che cerca di onorare suo padre;
  • Morrigan Aenslad, la seducente e letale regina delle tenebre;
  • Dante, arrogante e scavezzacollo cacciatore di demoni;
  • Albert Wesker, Capo dell’ organizzazione Umbrella;
  • Megaman X, un guerriero cibernetico senza memoria;
  • Rathalos e Nergigante, due draghi nonché bestie selvagge.

 

GAMEPLAY

Schermata di Gameplay di TEPPEN

TEPPEN si presenta come un gioco di carte con battaglie in tempo reale. L’interfaccia ci presenta varie carte con un costo per essere giocate. Si pagherà in energia, che gradualmente si ricaricherà tramite una barra.

Man mano che le carte verranno giocate otterremo AP Points, punti che, arrivati ad un determinato valore, ci permetteranno di usare gli “Stili Eroe”. Si tratta del potere speciale dell’eroe, che sceglieremo tra quelli sopra citati.

La vera novità di TEPPEN sono le “Carte Azione”, carte speciali che hanno vari effetti. La novità sta nel fatto che il giocatore avversario può rispondere ad una nostra azione in tempo reale, ammesso che abbia una carta azione ed il costo necessario per giocarla.

In conclusione. Vi invito a scaricare e provare in prima persona il gioco fiducioso che vi saprà appassionare. Detto questo vi saluto e vi do appuntamento ad una prossima recensione e ricordate: “leggete con il cuore e pensate con la mente”.

Leggi anche: