Hajime no Ippo

Una della copertine del manga Hajime no Ippo

Una della copertine del manga Hajime no Ippo

Hajime no Ippo è un manga di genere shonen creato da George Morikawa. Edito a partire dal 1989 dalla famosa casa editrice Kodansha, è una raccolta in oltre 100 “tankobon”, per un totale di oltre 1000 capitoli ancora in corso.
Successivamente nel 1991 la serie ha anche vinto il Kodansha Manga Award per la categoria shonen.
Ora senza ulteriori indugi vi parlerò della trama e successivamente vi darò la mia opinione sul manga.
Makunouchi Ippo è un liceale giapponese, dal carattere timido e gentile. Tuttavia, non può condurre una vita spensierata come i suoi coetanei. Orfano di padre, infatti, il ragazzo è costretto ad aiutare la madre nella gestione dell’azienda ittica di famiglia; un lavoro che lo vessa tramite orari difficili e sforzi notevoli. Ragioni per le quali, egli deve rinunciare al suo tempo libero.
A scuola poi, è spesso vittima di un terzetto di bulli che lo tormentano sia picchiandolo che insultandolo per il suo lavoro (tramite appellativi poco felici quali “verme” o “puzza di pesce”). Proprio un grave eccesso di prepotenza dei suoi aguzzini (un insulto rivolto a sua madre) spinge Ippo a reagire, seppur in modo inefficace, e questa cosa infastidirà ancor di più i bulli, pronti più che mai a picchiarlo più forte di prima. Il ragazzo, rassegnatosi all’ennesimo pestaggio, viene però salvato da Takamura Mamoru, pugile professionista capitato per caso sul luogo della rissa. Colpito dalla sua sicurezza e dalla sua potenza, il giovane Ippo gli chiede di potersi iscrivere nella sua palestra, per imparare la boxe cosi da poter diventare più forte e riscattarsi da ogni affronto e violenza subita.

Makunouchi Ippo, protagonista di Hajime no Ippo

Makunouchi Ippo, protagonista di Hajime no Ippo

Ora veniamo a noi. Hajime no Ippo è un opera che gli amanti di manga di categoria “spocon” adoreranno.
Ogni capitolo ci mostra la crescita di Ippo come atleta. Allenamento dopo allenamento il giovane pugile guadagnerà quella fiducia che gli è sempre mancata.
Ogni capitolo ci farà tifare per lui e per la sua scalata verso la vetta dello sport che ha scoperto di amare.
In conclusione vi consiglio di iniziare questo manga, se siete amanti del genere sportivo. Essendo ancora in corso, avete tutto il tempo per recuperare questa storia.
Detto questo vi saluto e vi do ad una prossima recensione e ricordate: “Leggete con il cuore e pensate con la mente”.

Leggi anche: Air Gear

Leggi anche: Medaka Box

Leggi anche: Blazer Drive

Leggi anche: Tokyo Ghoul

Leggi anche: Psyren

Leggi anche: I signori dei mostri

Leggi anche: All You Need Is Kill

I commenti sono chiusi.