Crea sito

New Moon

Copertina del libro di New Moon.

Scritto da Stephenie Meyer, New Moon è il secondo capitolo della saga di Twilight. La relazione fra Isabella Swan ed Edward Cullen si complica ancora una volta durante il compleanno della ragazza.

Accidentalmente lei si taglia con un po’ di carta da regalo, scatenando la sete irrefrenabile di Jasper. Il vampiro l’attacca, ma viene tempestivamente fermato dai suoi fratelli e dalle sue sorelle.

L’episodio porta Edward alla consapevolezza che lui e la sua famiglia sono soltanto un pericolo per lei. Decide così di lasciarla, convincendola che lui non l’ama più.

La rottura della loro relazione porterà Bella in uno status di depressione, alleviato soltanto un po’ dalla presenza di Jacob Black. Così sarà finché anche quest’ultimo non cambierà atteggiamento nei suoi confronti.

Che anche lui abbia un segreto? Leggete il romanzo e scopritelo.

Locandina con i licantropi di New Moon.

Dopo aver riportato parte della trama, passiamo alle considerazioni personali. New Moon è un romanzo che ho letto durante gli anni del liceo. L’ho apprezzato in particolare per due motivi: i licantropi e i Volturi.

Per quanto riguarda i primi, Stephenie Meyer ci introduce una nuova figura del licantropo. Nella tradizione popolare di solito si afferma che l’uomo lupo è una persona condannata da una maledizione. E’ praticamente dannata a trasformarsi in un animale durante le notti di luna piena, perdendo completamente la ragione e la sua natura umana.

Qui invece abbiamo un popolo nativo, che si trasforma in lupo soltanto in presenza dei vampiri. Nel loro DNA c’è un gene che si attiva e scatena questa trasformazione come meccanismo di difesa verso le sanguisughe marmoree. E si disattiva soltanto quando queste ultime hanno abbandonato i loro territori. L’attivazione di questo gene può bloccare oppure rallentare la crescita dell’individuo, che riprenderà una volta disattivatosi.

Locandina del film con i Volturi di New Moon.

Per quanto riguarda i Volturi, questi ultimi sono molto temuti all’interno della società vampira. E’ uno dei clan più antichi mai esistiti nel nostro mondo. Essendo al vertice della piramide, spetta a questo clan mantenere l’ordine all’interno della loro società. Se un vampiro osasse commettere un infrazione alle loro leggi, i Volturi non ci penserebbero due volte ad eliminarlo.

Questo è un aspetto che mi è piaciuto di loro. Per quanto possa essere contraria al loro modus operandi, devo ammettere che mi affascinano perché rappresentano la vera figura del vampiro. Si nutrono di sangue umano e non provano rimorso verso le proprie vittime. Anzi a volte sembra che ci provino gusto a giocare con il cibo.

Con i loro simili sono spietati. Fanno qualche eccezione soltanto quando il loro leader Aro prova interesse e curiosità verso qualcosa di nuovo ai suoi occhi. E’ ciò che accade quando viene a scoprire la relazione fra il vampiro ed l’umana.

Locandina del film New Moon.

Ciò che non ho molto apprezzato è stato l’atteggiamento di Edward Cullen. Per quanto ami questo personaggio, non ho condiviso la sua decisione di lasciare l’amata. Nel primo libro si era già visto che la loro diversa natura potesse essere un ostacolo, un pericolo per uno dei due. Eppure hanno lottato per il loro amore.

Qui invece lui sembra aver raggiunto di nuovo questa consapevolezza ed abbia fatto un passo indietro. Ed è così partito con la convinzione che lei lo avrebbe dimenticato e avrebbe vissuto la sua vita da umana, com’è giusto che sia.

Tuttavia, non aveva previsto che Bella potesse cadere in depressione e cercare di mantenere vivo il ricordo dell’amato attraverso delle allucinazioni. Più volte lei ha rischiato la vita per rivederlo ancora una volta. Ciò mette in evidenza come spesso pensiamo che una nostra decisione possa essere a fin di bene. E poi ci rendiamo conto che non è effettivamente così, che non è la decisione giusta.

Edward se ne rende conto e, pensando che sia troppo tardi, prende una decisione drastica, dalla quale poteva anche non uscirne mai vivo.

Penso di aver detto tutto, quindi la nostra recensione termina qui. A presto miei cari Sognatori e mie care Sognatrici e ricordate: “sognare significa viaggiare e viaggiare significa vivere mille avventure“.

Leggi anche: Twilight